lancome-grandiose-mascara-scovolino
Beauty, Review

Review: Mascara Grandiôse Lancôme

Sono sicura che avete già visto l’ultimo arrivato in casa Lancôme: si tratta del mascara Grandiôse che ha incuriosito tutte noi per la particolare forma del suo stelo.

Come sapete per me l’argomento ciglia è assolutamente delicato: le mie sono corte, chiare, difficili da mettere in bella mostra.
Per questo solitamente utilizzo mascara dallo scovolino importante e super volumizzanti.

Quando mi è capitato fra le mani Grandiôse mi sono chiesta se fosse il prodotto adatto per me.

La risposta?
Credo che sia semplicemente il prodotto adatto ad ognuna di noi.

I’m sure you have already seen the newest beauty product Lancôme have come out with: it’s the Grandiôse mascara, a really unique one because of it’s wand shape.

As you know, lashes is a tough subject for me: mine are short, light, and it’s hard to make them visible.
That’s why I usually use mascara that have really big and volumizing wands. 

When I stumbled upon the Grandiôse, I started wondering: is this the right product for me?

The answer?
I just think it’s the best product for all of us.

Review: Mascara Grandiôse Lancôme

Devo ammettere che l’applicatore permette di prelevare con facilità le ciglia e di creare uno sguardo intenso con un risultato soddisfacente sia a livello di incurvatura che per quanto riguarda l’allungamento.

Bisogna solo avere pazienza: lo stelo, chiamato a “Collo di Cigno” è particolare ma è sufficiente abituarsi e capire le esatte modalità di applicazione (vi consiglio di leggere la scheda prodotto e i consigli riportati sul sito di Lancôme) per capire che è la migliore arma che possiate avere fra le vostre mani.

Da non dimenticare e, soprattutto, da sottovalutare, quanto sia leggero sulle ciglia e facile da eliminare con qualsiasi prodotto struccante la sera: i rischi di irritazione e di sfregamento sono pari a 0.

Una delle migliori scoperte per le mie ciglia nel 2014.

I have to admit: the wand allows you to coat every single lash and create a bold look that has tons of volume as well as length.

You only need to have a bit of patience: the stem, shaped like a “Swan neck“, it’s unique and different; but once you learn how to apply mascara with it (I’d recommend you read the pamphlet it comes with and check out Lancôme website before using it), you’ll understand it’s the best product you have ever tried. 

Do not forget: it’s really light on the lashes and it comes right off your eyes with any makeup remover you already have: no irritations or rubbing your eyes.

One of the best lash discoveries in 2014.

8600883984_fe03ed9fd6_c
Personal Miss

Di quando essere una blogger era un motivo per essere presa in giro

La mia amica Arianna, quando presenta le persone l’un l’altra, ha la tendenza a fare un mini elenco fornendo informazioni sugli individui coinvolti.

Quando si parla di me, la filastrocca è sempre la stessa. Inizia a dire, con tono orgoglioso e pieno di gioia “lei è Alessandra, beauty e fashion blogger di fama internazionale“.

Ok, Arianna esagera leggermente ma lei è davvero fiera di cosa faccio, di cosa questo spazio mi ha permesso e mi permette di fare.

Continue Reading

estee-lauder-enlighten
Beauty, Review

Review: Estée Lauder Enlighten

L’iperpigmentazione viaggia a braccetto con le macchie cutanee. Le macchie cutanee comportano un colorito spento. Questo mix significa, per una donna, avere un nemico sulla pelle da combattere.

Sono tre i prodotti Estée Lauder Enlighten che ho avuto fra le mani che si occupano proprio di questo: la nuova EE CreamDark Spot Correcting Night SerumEven Skintone Correcting Creme.

Hyperpigmentation goes hand in hand with skin spots, which lead to a dull complexion.
For any woman, this means an enemy to defeat.

There are three Estée Lauder Enlighten I had the chance to try which work to fight against this problem: the new EE Cream, the Dark Spot Correcting Night Serum and the Even Skintone Correcting Creme.

Continue Reading

ricetta-mini-baked-alaska
Food, Lifestyle

Food: Mini baked Alaska, fuori fuoco, dentro ghiaccio

La storia del baked Alaska risale al 1876, quando l’Alaska venne acquisita dall’America e un ristorante di New York volle festeggiare l’avvenimento inventando un nuovo dolce.
L’aspetto esteriore, simile ad un igloo, racchiude un morbido cuore di gelato.
Questo dolce, di cui vi propongo delle mini porzioni, è il perfetto incontro tra freddo e caldo, che insieme creano un dolce davvero inusuale.

Continue Reading